Studenti Puglia si sfidano con un videogioco contro il Covid

Dieci scuole finaliste alle 'Olimpiadi della prevenzione'

Redazione ANSA BARI

(ANSA) - BARI, 04 GIU - Gli studenti di dieci scuole pugliesi, cinque primarie e cinque secondarie di primo grado, si sono sfidati virtualmente fino all'ultimo "vaccino" nelle "Olimpiadi della prevenzione" con il videogioco "ScacciaRischi", il primo videogioco italiano, ideato dalla società barese P.M.
    Studios, nato per affrontare l'emergenza pandemica e per gestire i pericoli in casa, a scuola e a lavoro. La terza edizione dell'iniziativa organizzata da Inail e Regione Puglia, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale, si è conclusa il 3 giugno. In tre edizioni ha coinvolto oltre 25 mila studenti di 300 istituti scolastici pugliesi di primo e secondo grado e 400 docenti.
    I game designer quest'anno hanno introdotto nuovi nemici come il "Mega Virus" e le "Fake News", mentre accanto ai caschetti della sicurezza ci sono le mascherine da salvare dalla distruzione dei malvagi Dangerbots. Gli studenti si sono sfidati pilotando i "Safebots" e imparando nei vari livelli del gioco i comportamenti corretti da seguire per far fronte all'emergenza sanitaria, fino a raggiungere l'ultimo livello: il vaccino.
    "Gli ScacciaRischi rappresentano il principio di una nuova generazione di videogiochi di pubblica utilità" ha spiegato Fabio Belsanti, ceo fondatore e lead game designer della P.M.
    Studios. Il videogioco, già premiato al "Forum PA 2020 Restart Italia" come una delle migliori esperienze sviluppate dalle amministrazioni pubbliche per rispondere e adattarsi alle emergenze, è diventato anche un caso di studio per l'Università degli Studi di Bari. "Con lo ScacciaRischi - ha detto la professoressa Francesca D'Errico, docente di Psicologia Sociale Uniba - volevamo testare l'induzione di un videogioco a comportamenti positivi e alla consapevolezza del rischio, perché la tecnologia ci induce ad apprendere alcuni comportamenti automatici e replicarli". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA