Dakar 2021 - 10a tappa: vincono Al Rajhi (auto) e Brabec (moto)

Peterhansel leader per le 4 ruote, giunto terzo nella decima frazione. Il cileno Florimo cade e si ritira, era in testa

Redazione ANSA ROMA

Il saudita Yazeed Al Rajhi (Toyota) ha vinto la decima tappa della Dakar tra Neon e Al-Ula, in Arabia Saudita, mentre il francese Stéphane Peterhansel (Mini) ha mantenuto il controllo della classifica generale della categoria vetture a due tappe dal termine della corsa. Al-Rajhi ha prevalso alla fine dei 583 km, precedendo il qatariota Nasser Al-Attiyah (Toyota) di 2'04" e Peterhansel di 2'53". Nella classifica generale, Peterhansel, soprannominato 'Monsieur Dakar' per i suoi tredici successi nel famoso rally-raid, è ancora in testa con un vantaggio di 17'01" su Al-Attiyah, ed è avviato al 14/o successo, a trent'anni dal primo, ottenuto in moto. Terzo è lo lo spagnolo Carlos Sainz, vincitore dell'evento nel 2020, a più di un'ora dal leader. Domani l'11/a e penultima tappa, una speciale di 511 km, è la più lunga della 43/a edizione del rally-raid.

Il cileno Jose Ignacio Cornejo Florimo (Honda), in testa alla classifica della categoria moto della Dakar 2021 all'inizio della giornata, si è dovuto ritirare dopo la decima tappa tra Neom e Al'Ula, a causa di una caduta senza conseguenze gravi. L'incidente è caduto al km 252 della speciale, ma il pilota 26enne è riuscito a riprendere la gara. Ha tagliato il traguardo in 11/a posizione ma, di comune accordo con il servizio medico di gara, ha scelto di ritirarsi dalla competizione, in particolare a causa di un potenziale rischio di commozione cerebrale. È stato quidi portato in elicottero all'ospedale di Tabuk per ulteriori esami. La tappa è stata vinta dall'americano Ricky Brabec, compagno di squadra del cileno. Cornejo Florimo aveva vinto l'ottava tappa ed era giunto due volte secondo nella quinta e settima frazione. Occupava la testa della classifica generale da domenica e precedeva di 11'24" il secondo classificato. Si tratta del terzo ritiro di un favorito, dopo quelli dell'australiano Toby Price su KTM, ieri, e del francese Xavier de Soultrait (Husqvarna) lunedì. La classifica generale delle due ruote vede ora in testa l'argentino Kevin Benavides (Honda) con un vantaggio di 51" su Brabec.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie