1000 Miglia, partita la rombante carovana delle 'meraviglie'

Gioielli storici e da collezione puntano verso Parma e Viareggio

Redazione ANSA BRESCIA

C'era davvero l'imbarazzo della scelta al momento di scattare foto e selfie a ripetizione alla pedana di partenza della edizione 2021 della mitica 1000 MIglia, con le auto dei concorrenti che sono scattati oggi da Brescia, per la prima tappa che passando da Parma e attraverso l'impeignativo passo della Cisa li porterà a Viareggio.
    Dopo il gruppo delle più 'anziane' Om Superba, un'auto chiamata così perché questa marca si aggiudicò la prima edizione del 1927 ed a cui sono stati assegnati i numeri più bassi, ci saranno (non nell'ordine di partenza ma in una ideale classifica per quantità di esemplari presenti) ben 50 Alfa Romeo di ogni epoca da ammirare e immortalare negli smarphone.
    Sono seguite da 40 Fiat, da 31 Lancia, da 30 Porsche e da 22 Mercedes, di cui 11 300 SL 'Ali di Gabbiano'. Ma ci sono anche 19 splendide Jaguar, altrettante Aston Martin, 13 Austi Healey, 12 Bugatti, 12 Siata, 11 Bmw e 8 Triumph. Spiccano tra le auto del Biscione, ben 3 Alfa Romeo 6C 1750 carrozzate Zagato, identiche a quelle che trionfarono nel 1929 con Giuseppe Campari e nel 1930 con Tazio Nuvolari. Saranno affiancate dalla 8C 2900 A carrozzeria 'Botticella' che nel 1936, per conto della Scuderia Ferrari, partecipò alla 1000 Miglia classificandosi terza assoluta con Carlo Pintacuda al volante.
    Restando in tema di Cavallino Rampante, tra le diciotto Ferrari al via, quelle con il palmarès più importante sono la Ferrari 340 America Spider Vignale, che fu condotta alla 1000 Miglia del 1952 da Pietro Taruffi, e la 275/340 America Scaglietti. Presenti anche tre Maserati da corsa che hanno fatte parte della squadra 'ufficiale' della Casa del Tridente.
    Da tenere d'occhio, a Brescia e lungo tutto il percorso, un 'gruppetto' composto dalle auto con i numeri di gara 42, 43, 44.
    In questo 'fazzoletto' ci sono infatti i vincitori e i primi piazzati nella edizione dello scorso anno: con l'Alfa 6C 1750 GS Zagato del 1929 numero 43 parte infatti il dominatore del 2020 Andrea Vesco, che questa volta è in gara con Fabio Salvinelli.
    Con il numero 42 parte da Brescia la Lancia Lambda spider Casaro di Sergio Sisti (già vincitore della 1000 Miglia nel 2001) che lo scorso anno si era classificato secondo, mentre con il numero 44 saranno in gara gli olandesi John Houtkamp e Micheline Houtkamp-Van Bussel che nel 2020, sempre a bordo di una Alfa 6C 1750 GS Zagato, avevano conquistato - come primo equipaggio straniero - la Coppa delle Nazioni. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie