Hpv, in Usa con vaccinazione infezioni calate del 90%

-74% anche tra non vaccinate, merito dell'immunità di gregge

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA - Negli Stati Uniti, la vaccinazione Hpv ha provocato una riduzione del 90% delle infezioni da Papillomavirus nelle ragazze vaccinate. Il vaccino ha avuto inoltre un forte impatto anche nelle giovani che non si erano sottoposte alla vaccinazione: in questa fascia della popolazione il tasso di infezioni è sceso del 74%. È quanto emerge da uno studio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani che suggerisce che il vaccino, con ogni probabilità, sta producendo un'immunità di gregge al virus.

Lo studio, pubblicato su Annals of Internal Medicine, si basa sui dati di una rilevazione nazionale ripetuta periodicamente a partire dal 2003. Dall'indagine emerge un progressivo calo delle infezioni causate dai 4 ceppi di virus Hpv compresi nella prima formulazione del vaccino (oggi ne sono contenuti fino a 9) ma non per quelle dovute agli altri ceppi.

 "Dati recenti indicano la quasi eliminazione del cancro della cervice diagnosticato prima dei 30 anni tra le donne che hanno ricevuto la vaccinazione in tempo", si legge in un editoriale pubblicato a corredo dello studio.

Ora, però, preoccupa l'impatto della pandemia. Negli ultimi due anni sono calate le coperture per tutte le vaccinazioni e l'Hpv è tra quelle che più ha risentito degli effetti di Covid-19. "Anche se gli adolescenti tornano per le visite di controllo e le vaccinazioni di routine, la necessità di compensare il deficit di vaccinazioni accumulato negli ultimi 2 anni sta creando una minaccia seria e urgente nella prevenzione del cancro: ci potrebbe volere un decennio per riprendersi", avverte l'editoriale. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA