Parlamento europeo vuole un aumento dell'obiettivo rinnovabili al 45% al 2030

Domani primo ok a proposte per negoziare con Consiglio

Redazione ANSA
BRUXELLES - Aumento dell'obiettivo rinnovabili al 2030 dal 40 al 45%, almeno due progetti transfrontalieri obbligatori per Paese (tre per gli Stati più grandi come l'Italia) e il 5% della nuova capacità installata riservata a tecnologie innovative. Sono alcuni degli emendamenti che domani la commissione Industria dell'Europarlamento approverà nella sua posizione sulla nuova Direttiva rinnovabili.
"L'attacco russo all'Ucraina - ha spiegato all'Ansa il relatore per la direttiva, Markus Pieper (Ppe, Germania) - ha richiesto un aumento dell'ambizione sul target, tutti i gruppi politici accettano la maggior parte dei compromessi perché ogni gruppo vuole essere parte quando si tratta di un'espansione più rapida e moderna delle energie rinnovabili. Ora abbiamo piani molto ambiziosi, ma sono realizzabili". Una volta approvate in commissione, le proposte saranno adottate dalla plenaria in settembre, quindi potranno cominciare i negoziati con il Consiglio.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie