Salta la missione dell'Eurocamera in Israele a causa di un 'deputato negazionista'

Esponente estone Id nel mirino per filo-fascismo

Redazione ANSA

BRUXELLES - La commissione Diritti umani del Parlamento europeo annulla la missione prevista per questa settimana in Israele e Palestina, dopo le polemiche su uno dei suoi componenti, l'eurodeputato del partito conservatore estone, Jaak Madison, iscritto all'Eurocamera nel gruppo Id guidato da Marco Zanni. Nel mirino sono finite alcune dichiarazioni di Madison che sui social in passato aveva invocato una "soluzione finale" per l'immigrazione e inneggiato al fascismo.

Già venerdì scorso il ministero degli esteri israeliano aveva informato la presidente della commissione, l'eurodeputata socialista belga, Maria Arena che "non acconsentiremo a tenere incontri ufficiali con parlamentari che esprimono opinioni ispirate alla visione nazista" riporta la Tv israeliana I24. Stando a fonti interne al Parlamento europeo dopo che l'eurodeputato estone avrebbe rifiutato di ritirare la sua partecipazione, Arena avrebbe deciso di annullare la missione, che già aveva incontrato diverse resistenze da Tel Aviv in quanto prevedeva l'incontro con ;;Marwan Barghouti, ex leader della prima e seconda Intifada in carcere in Israele con l'accusa di terrorismo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie