Expo Dubai 2020

Expo Dubai

"Collegare le menti, creare il futuro"

Expo Dubai,

Collaborando insieme, in connessione reciproca, ci diamo la possibilità di costruire il nostro miglior futuro possibile. È questo il significato che c'è dietro il tema scelto per l'Expo di Dubai: "Collegare le menti, creare il futuro".

Ad Expo parteciperanno 191 paesi, ciascuno con un proprio Padiglione incentrato sull’unicità che quel Paese può donare al mondo. Il Padiglione Italia, ad esempio, ha come focus quello della "Bellezza che unisce le persone". Accanto ai padiglioni dei Paesi partecipanti, ci saranno anche i padiglioni dei Partner di Expo, che sono aziende ma anche Organizzazioni, che si occupano dei cambiamenti e delle sfide globali della società. L'obiettivo e la missione di Expo è quella di portare dal vivo in un unico luogo chi sta costruendo il mondo di domani e da questo luogo, Dubai, condividerne idee e innovazioni. Ma lo spiega bene Iman Alomrani, donna, Vice Presidente a capo della tecnologia di Expo: "Non ci si limita alle interazioni faccia a faccia tra le persone. Expo offrirà ai visitatori uno sguardo su come la tecnologia può essere sfruttate per aiutarci a connetterci, coltivare la creatività e ispirarci a vicenda oltre i confini nazionali".

L'Expo di Dubai ha immaginato che per "Collegare le menti, creare il futuro", cioè cooperare e collaborare per il mondo di domani, può avvenire attraverso la Sostenibilità, l'Opportunità e la Mobilità. Sono queste dunque le aree di connessione che disegnano anche la toponomastica sulla quale si è sviluppata la costruzione dell’Expo, che sorge in un quartiere nuovo a nord della città, strappato al deserto, e che diventerà alla fine dell’Esposizione Universale una nuova area urbana di Dubai, destinata alle imprese e alle attività economiche.

Quindi l'Expo di Dubai ha identificato queste tre sotto aree tematiche, ognuna delle quali è anche un area geografica fisica, sono i distretti Sostenibilità, Opportunità e Mobilità, sui quali sono stati costruiti i Padiglioni e dove si svolgeranno esperienze e incontri. Cominciamo dalla Sostenibilità. Quali sono le attività, quali sono le piccole azioni che portano a grandi cambiamenti globali? Questa è la domanda a cui si cercherà una risposta condivisa nel Distretto Sostenibilità, che ospiterà alcune delle tecnologie più avanzate al mondo e mostrerà che cosa stanno facendo i paesi per preservare il nostro Pianeta.

Il secondo tema è quello delle Opportunità, cioè come liberare il potenziale umano ed essere agenti di cambiamento globale. Il Distretto Opportunità ospita incontri che affrontano l'argomento che c'è un effetto a catena in tutto ciò che facciamo e anche una sola persona può essere la chiave per sbloccare miliardi di opportunità che possono aiutare la comunità intera a creare un domani migliore. Tra i distretti Opportunità e Sostenibilità sorge anche il Padiglione Italia, dedicato alla Bellezza che unisce.

L’ultima area tematica di Expo è quella della Mobilità. Viviamo in un mondo di connessioni illimitate, comprendiamo culture diverse e ci scambiamo conoscenze e idee, continuamente. Questi concetti si sviluppano nel Distretto Mobilità dove i padiglioni che vi sorgono sono accumunati dal desiderio di abbattere quel divario tra il mondo fisico e quello digitale per costruire una società dove le informazioni si scambiano armoniosamente.

Le tre zone si irradiano da un centro comune Al Wasl che in arabo vuol dire proprio connessione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA