Lombardia

Draghi incontra Segre, grazie a nome italiani per l'impegno

Premier a memoriale Shoah: furono leggi razziste, non razziali

(ANSA) - MILANO, 30 SET - Liliana Segre è "una 'donna libera e donna di pace', come si è definita in passato. A nome del governo e di tutti gli italiani voglio ringraziarla per il suo impegno in difesa della verità e dell'umanità". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi visitando il memoriale della Shoah con la senatrice a vita, sopravvissuta ad Auschwitz e parlando a una scolaresca. "Questo luogo è la rappresentazione tangibile della memoria della Shoah in Italia. Dei mali dell'occupazione nazista e del collaborazionismo fascista. Ci mette davanti alle nostre responsabilità storiche, in modo netto e inequivocabile". Per il presidente del Consiglio quelle del 1938 non furono le "leggi razziali" ma "leggi razziste". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie