Percorso:ANSA > Nuova Europa > Bosnia Erzegovina > Orban fa infuriare la Bosnia,"difficile integrare musulmani"

Orban fa infuriare la Bosnia,"difficile integrare musulmani"

A Sarajevo si parla di dichiarazioni "vergognose"

22 dicembre, 20:09
(ANSA) - BELGRADO, 22 DIC - Leader religiosi e politici bosniaci hanno duramente criticato il primo ministro ungherese Viktor Orban, accusato di aver offeso la folta popolazione musulmana che vive nel Paese balcanico. A provocare l'incidente è stata una dichiarazione di Orban, riportata dal suo portavoce e segretario di Stato alla comunicazione e le relazioni internazionali, Zoltan Kovacs. "La sfida con la Bosnia è come integrare (in Europa, nda) un Paese con due milioni di musulmani", ha detto Orban durante una conferenza-stampa fiume ieri, citato da Kovacs. Durante il lungo incontro con la stampa,. Il premier ungherese aveva parlato anche di Balcani, affermando che la regione "non può essere stabilizzata senza i serbi, senza la Bosnia e la Bosnia non può essere stabilizzata senza i serbo-bosniaci. La chiave dei Balcani è la nazione serba", ha affermato il leader magiaro, come riportato dal portale governativo About Hungary.

Il membro bosniaco della presidenza tripartita bosniaca ha da parte sua definito "vergognosa" la dichiarazione di Orban sulle difficoltà di integrare la Bosnia per colpa della sua popolazione di fede musulmana, mentre il capo della comunità islamica nel Paese, il Reis-ul-ulema Husein Kavazovic, ha parlato di dichiarazioni "xenofobe e razziste". Nel frattempo, un partito di sinistra, Nasa Stranka, ha chiesto che venga vietato a Orban di recarsi a Sarajevo in visita ufficiale a gennaio. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati