Piemonte

All'ospedale Mauriziano robot cataloga e smista i farmaci

Alla Farmacia Ospedaliera, può caricare 200 medicinali all'ora

(ANSA) - TORINO, 21 SET - Un robot in farmacia, per gestire tutta la logistica dei medicinali da somministrare ai pazienti.
    A sperimentarlo, per prima fra le aziende ospedaliere piemontesi, l'ospedale Mauriziano di Torino che ha aderito a un progetto nazionale di sanità 4.0 finanziato con fondi europei per un valore di circa 400 mila euro. Con l'innovativo progetto, che sarà monitorato per un anno dal Politecnico secondo 17 indicatori, il Mauriziano ridisegna in chiave hi-tech il percorso del medicinale e del dispositivo medico dal fornitore al paziente ricoverato in un'ottica di efficienza, sicurezza e sostenibilità.
    Il robot opera 24 ore su 24 ed è dotato di un braccio robotizzato umanoide con prestazioni di carico pari a circa 200 confezioni l'ora. Ha inoltre 6 telecamere per la tracciabilità del farmaco attraverso la lettura dei codici a barre; il sistema consente l'erogazione di circa 1.000 confezioni l'ora e il prelievo fino a 8 confezioni contemporaneamente con un singolo movimento. "È un'esperienza che ci proietta davvero nel futuro - sottolinea la dottoressa Annalisa Gasco che dirige la Farmacia Ospedaliera del Mauriziano - e rappresenta un traguardo importante perché l'azienda ha puntato in questi anni sulla logistica come fattore determinante per migliorare il lavoro dell'ospedale e la vita dei pazienti. Negli ultimi anni il Mauriziano ha informatizzato progressivamente tutta la logistica del farmaco, dal fornitore al paziente, e con questa tecnologia fa un salto di qualità. A tre mesi dal collaudo - conclude - quello che ci colpisce sono la velocità e la precisione del nuovo sistema".
    "Si tratta di una novità per gli ospedali della regione, con grandi potenzialità. Un'alternativa è l'esternalizzazione del servizio a professionisti della logistica. Con questo progetto, noi vogliamo anche raffrontare i vantaggi, i benefici e i costi tra una gestitone interna e una esternalizzata - aggiunge il direttore generale dell'ospedale Mauriziano di Torino, Maurizio Dall'Acqua - Il robot non sbaglia mai, e quando stocca i farmaci lo fa anche per data di scadenza e questo è importante perché così si utilizza prima ciò che scade prima. Si supera inoltre la necessità di avere degli stoccaggi a livello dei reparti".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie