Sisma&Ricostruzione

Fondo complementare al Pnr, arrivano un miliardo e 800 milioni aggiuntivi

Per aree colpite da sisma 2016. Avvio primi progetti Recovery

(ANSA) - ANCONA, 12 AGO - Un miliardo e 780 milioni di euro per le aree colpite dai terremoti del 2009 e del 2016-2017 nel Centro Italia, che grazie al Fondo complementare al Pnrr si aggiungono alle risorse già stanziate per la ricostruzione delle case e delle opere pubbliche, e agli altri investimenti previsti dal Recovery plan. A comunicarlo è la struttura commissariale per la ricostruzione post sisma che fa capo a Giovanni Legnini. Mentre vengono avviati i primi progetti italiani previsti dal Recovery fund, e arrivano i primi 25 miliardi di euro dalla Commissione Ue, è pronto a partire - spiega - anche il Pacchetto sisma finanziato con il Fondo complementare al Pnrr, con i fondi finalizzati alla ripresa e allo sviluppo economico dell'Appennino centrale che negli anni scorsi è stato stravolto dai terremoti. A gestirlo sarà la Cabina di coordinamento integrata, composta dalla cabina del sisma 2016 con i presidenti delle quattro Regioni (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria) ed i rappresentanti dei sindaci, delegati dalle Anci regionali, integrata dal Capo dipartimento Casa Italia, consigliere Elisa Grande, e dal Coordinatore della Struttura di missione per il sisma 2009, consigliere Carlo Presenti, dal sindaco de L'Aquila e dal coordinatore dei sindaci del cratere 2009, e presieduta dal commissario Giovanni Legnini, che si è insediata oggi. Si tratta di una governance multilivello che, in virtù di una scelta molto innovativa del legislatore, riunisce tutte le rappresentanze istituzionali dei due crateri; sarà chiamata a programmare l'utilizzo delle risorse e selezionare i progetti per il rilancio e lo sviluppo di tutte le aree del Centro Italia colpite dai sismi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie