Presidenziali Perù, sarà ballottaggio tra comunista e destre

In testa il leader di Peru Libre Castillo, incerto l'avversario

 I dati dello scrutinio ufficiale sulle elezioni presidenziali di domenica in Perù confermano il comunista Pedro Castillo come candidato più votato, in un Paese politicamente frammentato nella scelta del proprio leader, che dovrà emergere nel ballottaggio in programma il prossimo 6 giugno.
    L'Ufficio nazionale per il processi elettorali (Onpe) ha riferito che con il conteggio ufficiale al 41,5%, si mantiene in testa il candidato comunista Castillo (Peru libre) con il 15,98%, mentre si contendono un posto al secondo turno l'economista liberale Hernando de Soto (Avanza Pais) al 13,81%, il leader di estrema destra Rafael Lopez Aliaga (Renovacion Popular) al 13,05% e Keiko Fujimori (Fuerza Popular) con il 12,68%.
    Intanto, un conteggio rapido realizzato da Ipsos per America Tv prevede al ballottaggio Castillo con il 18,1% dei voti contro Keiko Fujimori al 14,5%.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie