Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Calenda, Azione ed Italia Viva verso il partito unico

Calenda, Azione ed Italia Viva verso il partito unico

'L'obiettivo delle Europee è arrivare al 15%'. Scontro con il governatore della Puglia: 'La Regione non è il sultanato di Emiliano'

"Azione e Italia Viva hanno costruito una federazione, proprio ieri ci siamo incontrati con Renzi per definire i dettagli e si va verso un partito unico: il nostro appuntamento sono le europee e fondamentali saranno le regionali. Per quella data dobbiamo riuscire a superare la soglia del 15% che è l'obiettivo che ci siamo dati per le europee. E vogliamo essere determinanti nella formazione delle maggioranze e di un modo di fare politica che sia diverso da quello che abbiamo visto negli ultimi anni". Lo ha detto il segretario di Azione, Carlo Calenda, durante una conferenza stampa a Bari. 

 

Italia viva, Renzi: 'Federazione con Azione, ma io non lascio il campo'

Scontro in Puglia tra Calenda ed il governatore Emiliano. "La Puglia non è il sultanato di Emiliano, la Puglia è una grande regione italiana che partecipa al Pnrr e che si sta modernizzando, non è il posto dove Emiliano fa qualsiasi cosa e niente può essere fatto senza Michele Emiliano". Così il segretario di Azione, Carlo Calenda, durante una conferenza stampa a Bari. "Anche perché - ha aggiunto - per fortuna il Tap lo abbiamo fatto nonostante Michele Emiliano, di cui ancora ricordo la frase 'il cantiere sembra Auschwitz'. Andate su quella spiaggia, vi accorgerete che non si vede nemmeno da dove passa il Tap. Mi ricordo anche quando Emiliano disse 'l'Ilva deve essere pubblica perché cosi riusciremo a fare l'acciaio green', così sono riusciti a fare cadere un contratto blindato con Mittal. Vi risulta che l'Ilva stia facendo acciaio green? Mi risulta invece che diamo un miliardo di euro per pagare la bolletta elettrica".

"Ieri Emiliano mi ha mandato via Whatsapp la dichiarazione di Lacarra e Caracciolo ma dovrebbe conoscermi e sapere che non funziona con me questo atteggiamento. Lo feci accompagnare gentilmente fuori dalla sala del Mise per questa ragione. Se Emiliano ha intenzione di lavorare accogliendo i suggerimenti noi siamo qua, se ha intenzione di fare il ras della Puglia non gli va bene, perché come lo abbiamo accomodato fuori dal ministero dello Sviluppo quando ha passato il segno rischia che lo accomodiamo fuori dalla Regione". Lo ha detto a Bari il segretario di Azione, Carlo Calenda, presentando il nuovo gruppo di Azione in Consiglio regionale. Ieri sera il segretario e il capogruppo del Pd Puglia, Marco Lacarra e Filippo Caracciolo hanno trasmesso una nota congiunta dichiarando che i consiglieri regionali pugliesi del Pd che passeranno in Azione saranno ritenuti fuori dalla maggioranza.


   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie