Nardella, il David simbolo per la rinascita dopo la pandemia

'Un'energia che nasce dalla bellezza e spinge al bene'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Il David è un'opera incomparabile che non solo ci inebria con la sua perfezione ma anche ci ammonisce come simbolo, un'energia che nasce dalla bellezza e spinge al bene. Una bellezza che unisce le persone, come recita il motto di Expo, e non divide le Nazioni. Sono certo che la sua immagine iconica contribuirà alla rinascita non solo dell'Italia ma del mondo dopo la pandemia". Lo ha detto il sindaco Dario Nardella all'inaugurazione a Dubai del Padiglione Italia per Expo 2020. Nardella era accompagnato dall'assessore alla cultura e relazioni internazionali Tommaso Sacchi.
    "Il David di Michelangelo - ha affermato Nardella durante il suo intervento - è un'opera che ha superato tutte le altre, come ebbe a scrivere Vasari: il segreto è la luce interiore, il segreto dell'anima, una bellezza spirituale che riveste il corpo atletico e che trascende l'umano e che rifulge anche in questo 'gemello', forse una nuova opera. Egli volle eliminare da quella statua tutti i simboli della violenza e della lotta.
    Michelangelo non amava i conflitti, non sopportava la guerra, la lotta fratricida tra le genti. Pensava solo in termini di bellezza e di divina perfezione". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Modifica consenso Cookie