Calcio

Calcio:no Tar a Serie B;Chievo ricorre al Consiglio di Stato

Club procederà anche a impugnazione norma svincolo tesserati

(ANSA) - ROMA, 03 AGO - ll Chievo non ci sta. Nonostante il no del TAR che ha estromesso i veneti dalla prossima Serie B, la società proseguirà nella propria battaglia legale annunciando il ricorso al Consiglio di Stato avverso proprio alla bocciatura del TAR.
    "Conformemente alla giurisprudenza che ammette l'appello contro i decreti cautelari monocratici dei presidenti dei tar, che definiscano in modo irreversibile la controversia - si legge in una nota - la Società A.C. ChievoVerona ha intenzione di proporre appello al Presidente del Consiglio di Stato, contro il decreto presidenziale del Tar del Lazio che ha rigettato l'istanza di provvedimenti cautelari monocratici. La Società procederà anche all'impugnazione del provvedimento di svincolo dei tesserati, illegittimamente adottato in data odierna dalla Federazione italiana gioco calcio. A questo riguardo la Società fa presente che il giudizio dinanzi al Tar del Lazio è tuttora pendente dinanzi al Tar del Lazio e che la stessa Federazione, nelle proprie difese, aveva ipotizzato che, in caso di accoglimento dell'istanza cautelare a seguito della camera di consiglio fissata per il 6 settembre, il ChievoVerona potesse essere iscritto in sovrannumero al campionato di serie B.
    L'illegittimo provvedimento odierno è evidentemente contrastante con questa ipotesi". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie